FORNITURA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

  • Stampa

OBBLIGHI E FACOLTA'

Aggiornamento alla legge n. 10 del 2016 

Di seguito viene proposto lo schema riassuntivo delle possibilità concesse ai comuni (non capoluogo) per l'acquisizione di beni, servizi e lavori, con riferimento all'obbligo o alla facoltà di poter agire in forma autonoma o associata con altre amministrazioni pubbliche (Stazione Unica Appaltante, Centrale Unica di Committenza, Centrali Regionali, ecc.)

Lo schema è calato nella realtà Lombarda, dove è presente la Centrale Regionale per gli acquisti ARCA, la quale ha messo a disposizione degli Enti Lombardi il mercato elettronico NECA e la piattaforma elettronica di e-procurement per l'espletamento delle gare on-line per l'acquisizione di beni, servizi e lavori, utilizzabile in autonomia dalle stazioni appaltanti sia sotto che sopra soglia comunitaria, denominata SINTEL.

RESPONSABILITA'. Considerate le numerose quanto autorevoli interpretazioni delle norme al riguardo che soggetti come ANAC, ITACA, ANCI, ecc., continuano a divulgare, lo schema che segue vuole essere una sintesi quanto più precisa ed attendibile possibile, da leggere però con molta cautela e cercando  di volta in volta i necessari riscontri e verifiche nella legislazione vigente. In nessun caso i contenuti del presente articolo potranno essere utilizzati a giustificare eventuali errori nell'applicazione delle norme che si sarebbero dovute applicare.

 

 

160313 Obblighi facolta